loading
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)
grandi-opere-terra-di-fate-di-edgar-allan-poe-L-fBA94N
 
Altre informazioni...

Ci sono persone che, grazie a una sensibilità particolare, possono percepire queste energie e comunicare con loro. Anche chi non riesce a “vederle”, può comunque mettersi in contatto con loro attraverso la semplice forza del pensiero e un sentimento di gratitudine per la loro presenza. Questi esseri hanno molti doni da offrirci se li riconosciamo come parte della Vita.
I Deva della Terra alimentano e nutrono la vita. Collegarsi a loro ha come effetto un potenziamento dell’energia dei chakra di base, un aumento della gioia di vivere sulla terra, un senso di radicamento e di forza che aiuta a superare l’inerzia e la pigrizia, e l’aumento della capacità di soddisfare con equilibrio i bisogni fisici.
I Deva dell’Acqua purificano e donano chiarezza. Il contatto con loro aiuta a sentirsi parte del Tutto e della Natura, dà il coraggio di entrare in contatto con gli altri, dona chiarezza e potere, oltre a purificare il campo energetico e a lasciare una benefica sensazione di armonia.
I Deva dell’Aria portano ispirazione e creatività. Il contatto con loro ci fa sentire fiduciosi in noi stessi e negli altri, permette di respirare più liberamente e di sentirsi meno vulnerabili, aiuta a mantenere la mente lucida e pronta a ricevere ispirazione e nuove idee.
Deva del Fuoco sono i guardiani del processo alchemico: trasformano, trasmutano e rigenerano. La loro energia è stimolante, vitale, ardente. Incoraggiano ad esprimere la verità, a manifestare senza timore i sentimenti e la nostra forza, a sentire che abbiamo il potere di realizzare noi stessi.
Oltre ai Deva dei 4 Elementi, ci sono i Deva dell’Etere, che nel linguaggio alchemico è chiamato la “quintessenza” e rappresenta l’elemento più eterico e spirituale. I Deva dell’Etere donano un senso di profonda chiarezza e sensibilità, saggezza, pace, la volontà di essere allineati alle leggi spirituali, la capacità di essere padroni di se stessi e di fare da ponte per comunicare agli altri le energie spirituali.
Osservare un ruscello che scorre e fluisce liberamente o l’acqua trasparente di una cascata. Camminare silenziosamente in un bosco, guardando la terra, alzando gli occhi ed elevando il cuore al cielo. Predisporsi ad accogliere un’alba o a salutare un tramonto, o ancora esporsi al sole sapendo che i suoi raggi diffondono energia a ogni livello del nostro essere, è già un modo di mettersi in contatto con i Deva e con l’essenza benefica degli elementi della natura. Ci sentiremo rigenerati, chiarificati, sollevati, ritemprati e in uno stato generale psico-fisico migliore.
Ci sono luoghi della terra dove gli uomini collaborano coscientemente con i Deva. Nella comunità spirituale scozzese, la Findhorn Foundation, la gente riconosce e rispetta la presenza degli spiriti di natura. Sono anche stati creati dei preparati, le Essenze degli Elementi, in cui sono racchiuse le energie dei 4 elementi.
Solo un atteggiamento cosciente nei riguardi della Natura può portare a una reale guarigione di noi stessi e del pianeta, di cui siamo i custodi.