loading
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)
Pisces-ascendente-amore-astrale
 
GLI ABITANTI DEL PIANO ASTRALE di Leadbeater

Vi sono tre grandi classi:

UMANI - NON UMANI - ARTIFICIALI
Gli abitatori UMANI del piano astrale si ripartiscono in due gruppi: i vivi e i morti. Con precisione quelli che hanno ancora il corpo fisico e quelli che non ce l’hanno.
1. I VIVI
possono essere suddivisi in 4 classi:
1.1 L’ADEPTO E I SUOI ALLIEVI
Questi adoperano come veicolo il corpo mentale; si ha il vantaggio di poter passare istantaneamente dal piano mentale all’astrale e viceversa. Il corpo mentale naturalmente non è affatto visibile alla vista astrale (come lo è l’astrale per la vista fisica), e per conseguenza l’allievo che lo adopera impara a formare intorno a sé un involucro temporaneo di materia astrale, quando desidera rendersi percettibile agli abitanti del mondo inferiore. L’uomo che è introdotto nel piano astrale sotto la guida di un Maestro competente vi ha sempre la maggior coscienza possibile e può agire con perfetta facilità in tutte le sue suddivisioni. Capace di eseguire efficacemente sul quel piano, durante il sonno, il lavoro teosofico che tanto occupa il suo pensiero nelle ore di veglia. Il poter ricordare pienamente ed esattamente sul piano fisico ciò che ha fatto e imparato sull’altro, dipende in massima parte dal sapere egli trasportare senza interruzione la coscienza da uno stato all’altro.
1.2 LA PERSONA PSICHICAMENTE SVILUPPATA CHE NON E’ SOTTO LA GUIDA DI UN MAESTRO
Il nascere dotata di poteri psichici è semplicemente il risultato di sforzi fatti in un’incarnazione precedente, che può avere avuto un carattere altamente nobile e disinteressato o può anche essere stata sterile di cognizioni e mal diretta o anche affatto spregevole.
Una tal persona sarà di solito perfettamente cosciente quando sia fuori dal corpo, ma per la mancanza alla voluta educazione è soggetta a ingannarsi su quanto vede. Essa apparirà sempre nel corpo astrale, perché non sa come agire nel veicolo mentale.
1.3 LA PERSONA COMUNE
Cioè la persona senza nessuno sviluppo psichico-la quale vaga durante il sonno ne suo corpo astrale in uno stato di maggiore o minore incoscienza.
Nel sonno profondo i principi superiori nel loro veicolo astrale si ritirano dal corpo e rimangono nella immediata vicinanza di questo, quantunque nelle persone affatto non sviluppate essi siano in realtà non meno addormentati del corpo.
In alcuni casi tuttavia questo veicolo è meno assonnato e galleggia come in sogno sulle varie correnti astrali riconoscendo talvolta altri in condizioni simili e andando incontro ad esperienze di ogni sorta, piacevoli e spiacevoli, il ricordo delle quali, inestricabilmente confuso e sovente ridotto a caricatura grottesca di ciò che veramente avvenne, farà pensare all’uomo il mattino successivo di aver avuto un sogno straordinario.
Tutte le persone colte hanno oggidì i sensi astrali abbastanza bene sviluppati, cosicchè se fossero sufficientemente vigili ad esaminare le realtà che li circondano durante il sonno, potrebbero osservarle e imparare molto da esse. Ma nella grande maggioranza dei casi queste persone non sono così attente e passano il più delle loro notti in una specie di concentrazione, ponderando profondamente quel qualunque pensiero che possa aver dominato la loro mente quando si addormentarono. Esse hanno le loro facoltà astrali, ma ne fanno ben scarso uso; sono certamente sveglie sul piano astrale, ma non rispetto all’ambiente e per conseguenza non hanno coscienza di ciò che le circonda, ovvero l’hanno in modo assai indeterminato.
Quando un tale uomo diventa allievo di uno dei Maestri di Sapienza, viene di solito subito scosso da questa situazione di torpore, pienamente risvegliato alle realtà che lo circondano su quel piano, e posto ad imparare da esse e a lavorare fra esse; le sue ore di sonno sono così non più vuote, ma piene di attive e utili occupazioni, senza che venga per nulla intralciato il riposo ristoratore del corpo affaticato (vedi “Gli Aiutatori invisibili”, cap V).
Come l’uomo si sviluppa in intelletto e spiritualità, la sua parte astrale diventa più definita e rassomiglia maggiormente al suo corpo fisico.
1.4 IL MAGO NERO E IL SUO ALLIEVO
Questa classe corrisponde in qualche modo alla prima, con la differenza che lo sviluppo è stato rivolto al male anziché al bene e i poteri acquisiti sono usati a scopo puramente egoistico invece che a vantaggio dell’umanità.
Fra i più abbietti suoi membri sono gli individui che praticano gli orribili riti delle scuole Obeah o Voodoo
Estratti da “IL PIANO ASTRALE” di C.W. Leadbeater