loading
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)
libro degli angeli
Questo libro parla della millenaria angelologia (cioè «scienza degli Angeli») che è precisamente la teoria e la pratica di scoperta delle nostre doti superiori: un sorprendente metodo di autoanalisi, che mostra quanto fossero evolute le conoscenze psicologiche dei sacerdoti egizi ed ebrei, primi angelologi della storia.
Igor Sibaldi ricostruisce i fondamenti di questa scienza e spiega come applicarla in concreto: come intendere i propri Angeli, come interpretare le scelte coraggiose che ciascun Angelo pone ai suoi «protetti», come decifrare – guardandole dall’alto – le proprie incertezze e profonde insoddisfazioni, per trasformarle in conquiste.
Era infatti convinzione degli antichi che tutto, nella vita di un individuo, fosse intenzionale: che il caso, cioè, non esistesse, né nel bene, né nel male; e che solo riconoscendo gli impulsi «celesti» delle proprie intenzioni si potesse eliminare dall’esperienza di ciascuno ogni carattere di passività, di vittimismo.
Il Cielo, secondo gli antichi, poteva giungere sulla Terra: gli Angeli ne erano i messaggeri e, in certi casi, divenivano anche qualcosa di più. Chi sapeva riconoscerli e ascoltarli ne riceveva energie celesti e istruzioni, per far agire quelle energie nella vita quotidiana. Oggi useremmo un altro linguaggio per dirlo: nella nostra mente esistono potenzialità straordinarie, che a volte ci sembra di intuire, e che possono guidarci e trasformare la nostra vita, se riusciamo a individuarle.

AUTORE

Igor Sibaldi è scrittore e teologo. Nato a Milano, dove vive tuttora, ha pubblicato diversi romanzi presso Mondadori, per cui ha curato l’edizione di numerosi classici della letteratura russa, tra i quali i Racconti e Perché la gente si droga di Tolstoj, l’Album Tolstoj, i Romanzi Brevi di Dostoevskij e le Fiabe siberiane, con un’introduzione sullo sciamanesimo. Studioso di teologia neotestamentaria, dal 1997, con il suo romanzo-saggio I maestri invisibili, ha cominciato a narrare la sua personale esplorazione “dei miti e dei terrori dell’aldilà”.