loading
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)
no-time-for-karma
 
 
Uscire dalla ruota del dolore e del conflitto, mettere in discussione le millenarie nozioni di karma, peccato, di possibile e impossibile, ridurre il limite tra il visibile e l'invisibile. Sono solo alcuni degli argomenti trattati in questo testo unico nel suo genere. Un lungo viaggio che ci porterà a toccare con mano l'energia evolutiva dell'Era dell'Acquario e a esplorare le nostre potenzialità come esseri dotati di potere psichico e di creatori di realtà.
Frutto della raccolta di appunti provenienti da numerose conferenze e dall'esperienza di vita di Paxton Robey, ingegnere americano appassionato di spiritualità e metafisica, No Time Por Karma arriva per la prima volta in questa nuova veste cartacea, dopo anni di presenza sul web, a mostrarci un possibile modo di mettere fine alla sofferenza umana.
Da Un corso in miracoli ad Abraham Hicks, passando per il Metodo Silva e il contatto con la propria guida interiore, Paxton Robey ci condurrà gentilmente a realizzare che non esiste l'errore, non esiste un là fuori separato dalla nostra coscienza e soprattutto non c'è niente che non abbiamo il potere di cambiare.
"Il sentiero delle autorità è molto utile alla crescita dell'anima, ma è terribilmente lento. È il sentiero chiamato karma. Invece il sentiero insegnato dai grandi maestri è autopotenziante, illuminante, divertente e, soprattutto, conveniente. Se sei stanco di rapporti che non ti divertono, delle limitazioni finanziarie e fisiche, che non sono affatto divertenti, allora forse potresti essere pronto a dichiarare che non hai tempo per il karma. Per sbarazzarci del sentiero karmico e dirigerci direttamente verso la gioia, il divertimento, l'entusiasmo e la pace intcriore dobbiamo seguire il consiglio di Re Salomone: «A costo di tutto ciò che possiedi, ottieni la comprensione»."
Paxton Robey

INDICE

Prefazione di Andrea Panatta
Prefazione dell'autore
Introduzione
  • Capitolo 1 - La scuola terra
  • Capitolo 2 - Il programma di studi
  • Capitolo 3 - Il corpo insegnante
  • Capitolo 4 - I libri di testo
  • Capitolo 5 - Il diploma
  • Capitolo 6 - Il diploma di Maestro
  • Capitolo 7 - I salvatori
  • Capitolo 8 - I compagni di Classe
  • Capitolo 9 - Programma dei prossimi viaggi di istruzione
Post Scriptum

APPROFONDIMENTI

Tratto da "No Time For Karma" ==> La coscienza crea la realtà

"Vai sempre direttamente verso ciò che vuoi creare. Tu sei un sette-miliardesimo della forza creativa del pianeta e qualsiasi cosa i sette miliardi abbiano in mente si manifesta sul pianeta. Perché cadono le dittature? Perché la gente fa la raccolta differenziata? Perché è caduto il muro di Berlino? Questi eventi accadono perché gli intellettuali dibattono? Niente affatto.
La meditazione ha fatto di più per guarire la Terra di quanto abbiano fatto tutti gli intellettuali e chi agisce a partire dalla cieca compassione messi insieme.
La meditazione abita sul piano causale. Non è interessante notare che tutti i guru abbiano insegnato ai loro studenti a rilassare il corpo? "Un po’ di respirazione di qua e un po’ di yoga di là e mettiamo a posto il piano fisico". Non hanno mai detto "Caricati e agisci!". Hanno detto "Rilassati, stai in pace, sii calmo. Tieni il tuo occhio  fisso su Dio."
Ora tieni in mente l’immagine di ciò che desideri per la tua Terra. Visualizza ciò che vuoi, non ciò cui  sei contro. La legge cosmica non è personale e non è interessata a che cosa tu visualizzi. Non dirà mai "Hmm, quel pensiero non mi piace, penso che non lo manifesterò". Il giorno che qualche milione di persone ha partecipato alla meditazione mondiale di guarigione del trentun dicembre, è crollato il muro di Berlino. Nessuno è riuscito a trovare un altro motivo per spiegare il perché sia caduto. Peter Jennings non ci ha mai spiegato al telegiornale delle otto perché sia successo e non è stato certo il nostro governo a farlo cadere e nemmeno qualche esercito o una sanzione economica. E’ semplicemente caduto perché è avvenuto uno spostamento nella nostra coscienza.Sapevano i milioni di meditatori ciò che stavano facendo? Comprendevano il potere creativo della mente? Assolutamente no. Non avevano idea di quali effetti sinergetici potessero avere i loro pensieri combinati insieme. Ma a loro piaceva. Si sono riuniti e hanno pregato. Hanno garantito che la pace regni sulla Terra e che l’armonia rimanga per sempre. Per il resto dell’anno, forse continuano ad andare in giro a cercare di sistemare le cose sbagliate, ma non importa: per un giorno si sono messi tutti nella stessa direzione ed hanno spostato l’energia della Terra. Hanno dato la direzione verso la pace.
"Dove due o più sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro".
Quando ti unisci in meditazione con altre persone a supporto della pace nel mondo o della guarigione, stai guarendo i governi e le economie. Niente nell’arena politica e socioeconomica può mancare di essere guarito quando è inondato con l’energia della meditazione di gruppo.
Quanti individui servono per creare la transizione sulla Terra? Quanto tempo della tua giornata devi passare a visualizzare per creare la pace nel mondo e l’aria pulita? I grandi Maestri hanno detto che se la nostra fede è grande come un grano di senape, l’un per cento del tempo sarà sufficiente.
I pensieri casuali della popolazione del mondo non causano un gran danno né a noi né al pianeta. Se abbiamo sette miliardi di individui occupati in pensieri casuali, con una metà che pensa a questo e l’altra metà che pensa a quello, ossia la metà che pensa "fate come me e tutti saranno salvi", e l’altra metà pensa "no, ascoltate me", da che parte si va? Niente si muove perché ognuno va in una direzione diversa. Però, se ai sette miliardi che vanno in direzioni diverse aggiungi una manciata di anime che intendono lavorare in armonia e tenere un pensiero indirizzato nella stessa direzione, prima ancora di saperlo, tutto il resto della banda sarà già attratto nella corrente. Questa è la legge cosmica. Dobbiamo sempre cercare la causa di tutti i cambiamenti nel regno della coscienza. Preferiremmo che la causa del cambiamento fosse qualcosa di tangibile e drammatico, qualcosa che appaia alla tv nazionale, così da poter dire a tutti con certezza che cosa devono fare per salvare il pianeta. Non funzionerà in questo modo perché i nostri sistemi di credenze creano la realtà."