loading
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)
quasi-umani-centini
Lo trovi sul Giardino dei Libri

Robot, automi, mutanti: da Leonardo da Vinci in poi, l'uomo ha cercato di costruire macchine sempre più evolute.
  • Riusciremo mai a costruire la copia perfetta dell'uomo?
  • Fino a dove potrà arrivare l'intelligenza delle macchine?
  • Letteratura, cinema e scienza ci hanno proposto molti futuri possibili: quale si realizzerà?
L’ibridazione che caratterizza il corpo di Oscar Pistorius, escluso dalle Olimpiadi di Pechino poiché dotato di protesi in fibra di car­bonio dalle ginocchia in giù che gli consentono prestazioni atleti­che superiori ai normodotati, ci impone una riflessione profonda sul rapporto tra la tecnologia e il nostro essere “solo” uomini. Una riflessione che non riguarda esclusivamente gli aspetti eminente­mente tecnici, ma destinata a rivolgersi ad ambiti in cui a prevalere è l’etica e le sue implicazioni nella scienza; inoltre, in questa rifles­sione rientra anche l’antropologia spicciola, quella con la quale tutti noi facciamo quotidianamente i conti.
Da tempi lontanissimi l’uomo ha provato a “creare” qualcosa che gli somigliasse. Ma a questo “qualcosa” ha cercato di assegnare caratteristiche che consentissero, al prodotto della sua neo-creazione, di essere uomo; però, strutturandolo secondo principi omocen­trici e che quindi lo rendessero anche un po’ macchina, di conse­guenza controllabile dal suo creatore. Per giungere a tanto, l’uomo ha tentato la scalata dell’Olimpo, al fine di sentirsi vicino alla divini­tà, ma anche nella condizione di strappare agli dei il potere di dare la vita e di “migliorare”, secondo un progetto meramente antropo­centrico, quanto la natura ha riservato alla nostra specie.
Nelle pagine del libro, l'autore tenterà di tracciare le linee por­tanti di questo progetto para-evolutivo compiuto dall’uomo già nell’antichità, ripercorreremo così le tappe che l’hanno indotto, prima, a cercare di dare vita alla materia inanimata, e poi, sulla scorta delle acquisizioni scientifiche via via raggiunte, a far conver­gere meccanica e anatomia, tecnica e biologia, robotica e genetica.

INDICE

Capitolo 1 - Verso una nuova umanità...
Capitolo 2 - In principio fu l’automa
  • Tecnica e mito
  • Tecnologia e magia
  • Da Leonardo ai materialisti
  • Macchine prodigiose
  • La strana storia del ‘Turco” di Von Kemplen
Capitolo 3 - Materia inanimata alla ricerca della vita
  • Da Prometeo al “Perturbante”
  • Il mito dell’ homunculus
  • ...mediante l’uso dei nomi sacri...
Capitolo 4 - I tanti volti del robot
  • All’origine di un nome
  • Macchina/schiava
  • Intelligenza artificiale
  • Solo macchine?
  • La sindrome di Prometeo
  • Simbiosi tra organico e inorganico
Capitolo 5 - Alcune date fondamentali
Capitolo 6 - La creatura contro il creatore
  • Nella mente della creatura del dottor Frankenstein
  • Fuori controllo
  • Un’etica improbabile
  • Se la colpa è solo dell’uomo...
Capitolo 7 - Farsi macchina
  • Verso una nuova specie?
  • Post-umano: alla ricerca di una definizione
  • Cosa diventeremo?
  • Fantascienza o realtà?
  • Opportunità forse...

AUTORE

Massimo Centini - Studioso di antropologia, di tradizioni popolari e di tematiche legate alla spiritualità, lavora presso il Centro Studi Tradizioni Popolari dell'Associazione Piemontese di Torino, ed è autore di numerosi libri e articoli.