loading
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)
la-cassetta-degli-attrezzi-dell-empatia
Non vi è vera intimità senza empatia. L’empatia è un riconoscimento dell’altro, sia per quanto riguarda la sua presenza fisica sia per quanto riguarda le sue emozioni, i suoi desideri, i suoi sentimenti e le sue idee.
In questo libro come prima cosa viene illustrato il concetto di empatia e la differenza fra questa, la simpatia e la compassione; si vedrà per quale ragione questo concetto si sia sviluppato, soprattutto in ambito psicoterapeutico, ma anche in termini biologici, con la scoperta dei neuroni specchio e delle relative implicazioni.
Si cercherà poi di capire perché sia importante sviluppare l'empatia, e come possa aiutare nelle relazioni.
Nella seconda parte del libro, verranno indicate le tappe principali nell'acquisizione e nello sviluppo dell'empatia, suggerendo le strategie che aiuteranno a coltivarla nella quotidianità.
Si imparerà ad usarla, non per manipolare gli altri (cioè per indurli a fare ciò che non hanno intenzione di fare), ma per capire chi sono, che cosa provano, che cosa vogliono, e trovare così dei terreni di cooperazione e di "sincronia".


Lo trovi sul Giardino dei Libri

In particolare si cercherà di rispondere a queste domande:
  • Perché è importante essere empatici?
  • Come si fa a diventarlo?
  • Qual è il ruolo dell’empatia nei rapporti sociali?
  • Come mai è utile in un contesto di risoluzione dei conflitti?
  • Come riconoscere e usare questo modo di essere?
  • Come distinguere l’empatia dalla simpatia e dalla compassione?
  • Come viene definita in psicologia e nel campo delle neuroscienze?
Grazie agli esercizi contenuti in questo libro, potrete sviluppare un atteggiamento empatico nei confronti degli altri.

INDICE

Ringraziamenti
Introduzione
PRIMA PARTE - Che cos'è l'empatia?
  • Cap. 1 - L'empatia, la simpatia, la compassione
  • Cap. 2 - I neuroni specchio: la biologia dell'empatia
  • Cap. 3 - Perché è importante essere empatici
  • Cap. 4 - Voi siete empatici?
SECONDA PARTE - Come sviluppare l'empatia
  • Cap. 5 - Rallentare
  • Cap. 6 - Spegnere il cellulare
  • Cap. 7 - Ascoltare e tacere
  • Cap. 8 - Non giudicare né etichettare le persone
  • Cap. 9 - Uscire da se stessi per essere presenti
  • Cap. 10 - Comprendere interiormente
Conclusione
Bibliografia
Filmografia

APPROFONDIMENTI

Uno degli scopi dell'entrare in relazione con gli altri è proprio quello di sentire che essi avvertono ciò che noi proviamo. Tutti abbiamo bisogno di empatia: ci piace essere capiti, meglio ancora se non dobbiamo neanche aprire bocca.
Ci piace sapere che l'altro conosce le nostre "differenze" e le rispetta. Si può certo affermare che non vi è vera intimità senza empatia: l'intimità va di pari passo con l'apertura reciproca, e l'empatia consiste proprio in un riconoscimento dell'altro, per quel che riguarda sia la sua presenza fisica sia le sue emozioni, i suoi desideri, i suoi sentimenti e le sue idee, ma consiste anche nel riconoscimento che l'altro accorda a noi.
Se per esempio il marito di un'amica ha appena saputo di avere un cancro in fase terminale e lei ce ne parla, se siamo empatici possiamo capire che cosa prova e che cosa sta attraversando, come se stesse capitando a noi: ne abbiamo una comprensione profonda e immediata. Ma contemporaneamente proviamo anche una sorta di riconoscenza per il fatto che non sta capitando noi.
Questo perchè l'empatia è percezione e comprensione all'altro, ma non implica necessariamente l'identificazione con una persona che soffre o una sofferenza uguale.
L'empatia è nata con l'uomo: in un contesto di sopravivenza estremamente difficile costituiva una caratteristica essenziale perché, favorendo la decodificazione dell'ambiente, permetteva di decidere come reagire a seconda del pericolo, del tipo di aggressione o al contrario in base a ciò che era necessario per la sopravvivenza e in funzione della cooperazione.
Dal punto di vista evolutivo, l'empatia è uno strumento di caccia, che serve a individuare i predatori e gli aggressori, per scegliere i partner sessuali; è un mezzo per percepire il nostro ambiente fisico, ma soprattutto sociale: ci aiuta a cogliere gli umori altrui, le altrui emozioni, e a scegliere l'azione giusta in base alle informazioni ricevute.
Se consideriamo l'innumerevole varietà dei contesti in cui l'empatia viene utilizzata, non sorprende che sia un concetto difficile da capire e ancor più difficile da spiegare. Questo libro cerca di spiegare l'empatia e spinge a sviluppare l'empatia nei confronti degli altri.

AUTORE

Mireille Bourret, formatasi in giurisprudenza, sociologia e criminologia, vanta una lunga esperienza in questi ambiti, cosa che le ha permesso di sviluppare tecniche per risolvere i conflitti nella vita di tutti giorni. Profondamente interessata allo sviluppo personale e specializzata in rapporti interpersonali, Mireille ha pubblicato diverse opere sul tema della manipolazione e dell’empatia, ispirando con le sue parole la trattazione di questi temi in blog specializzati.