loading
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)
l-arte-di-comunicare-thich-nhat-hanh
 
Nonostante tutte le nostre migliori intenzioni, la comunicazione è ancora una sfida per molti di noi.
Qual è il modo migliore per dire quello che pensiamo affinché il nostro interlocutore ci comprenda davvero? Come possiamo imparare ad ascoltare con compassione e comprensione? Le persone comunicano in modo diverso. Come possiamo trarre giovamento dalle nostre reciproche differenze per rafforzare le nostre relazioni?
Sfruttando la sua esperienza di lavoro con coppie, famiglie, colleghi di lavoro e intervenendo a favore della risoluzione dei conflitti internazionali, il celebre leader spirituale Thich Nhat Hanh ci rivela i cinque passi per ottenere una comunicazione veramente consapevole.
Concentrandosi su pratiche concrete e accessibili, L’arte di comunicare fornisce la chiave per comunicare con se stessi e con gli altri in modo più efficace, con gentilezza e consapevolezza.
«C’è un detto in vietnamita “Non costa nulla avere la parola amorevole”. Abbiamo solo bisogno di scegliere con attenzione le nostre parole e possiamo fare felici gli altri». Perché non farlo allora?

INDICE

  1. Nutrimento essenziale
  2. Comunicare con te stesso
  3. Le chiavi per comunicare con gli altri
  4. I sei mantra della parola amorevole
  5. Quando insorgono difficoltà
  6. Comunicazione consapevole sul lavoro
  7. Creare comunità nel mondo
  8. La nostra comunicazione è la nostra continuazione
  9. Pratiche per la comunicazione compassionevole
L'autore

APPROFONDIMENTI

"Molti di noi soffrono a causa di una comunicazione difficile. Ci sentiamo incompresi, specialmente dalle persone che amiamo.
In una relazione, siamo l'uno il nutrimento dell'altro, perciò dobbiamo scegliere il tipo di cibo da offrire all'altra persona, il tipo di nutrimento che può contribuire a far prosperare le nostrerelazioni. Ogni cosa — compresi l'amore, l'odio e la sofferenza — ha bisogno di nutrimento per continuare.
Se la sofferenza continua, è perché noi continuiamo a nutrirla. Ogni volta che parliamo senza essere mentalmente presenti, alimentiamo la nostra sofferenza.
Con la consapevolezza possiamo scrutare a fondo la natura della nostra sofferenza e scoprire che tipo di nutrimento le abbiamo finora dispensato per tenerla in vita. Quando troviamo la fonte di nutrimento della nostra sofferenza, possiamo interromperne il flusso, e la nostra sofferenza svanirà.
Spesso una relazione romantica comincia in modo meraviglioso, ma poi, giacché non sappiamo come nutrire il nostro amore, la relazione comincia a morire. La comunicazione può riportarla in vita: ogni pensiero che formuliamo nella mente e nel cuore — in Cina si dice "nella pancia" — alimenta questa relazione.
Quando formuli un pensiero che trasmette sospetto, rabbia, paura, irritazione, quel pensiero non è nutriente né per te e né per l'altra persona. Se la relazione è diventata difficile è perché abbiamo alimentato il giudizio e la collera, e non abbiamo nutrito la compassione..."

AUTORE

Thich Nhat Hanh, maestro zen vietnamita, poeta e pacifista, è stato proposto nel 1967, da Martin Luther King, per il Premio Nobel per la pace, ed è stato a capo della delegazione buddhista vietnamita durante gli accordi di pace di Parigi. Viaggia regolarmente in America e in Europa per insegnare e guidare ritiri sull'arte di "vivere consapevolmente".
Ha pubblicato molti libri in inglese, francese e vietnamita.